il blog di iteam5.net

17.10.03

MSN cattura i consumatori

"Engaging consumers in the digital decade" e' stato il titolo dell'incontro organizzato da MSN per fare il punto - a distanza di diversi mesi dall'analogo convegno organizzato a Roma lo scorso gennaio - su quanto sta avvenendo e cio' che si prospetta per il "decennio digitale" che stiamo vivendo. Fra i punti chiavi evidenziati dai vari interventi, il fatto fondamentale che broadband e wireless stanno cambiando completamente faccia al web come lo conoscevamo (e dal quale in molti erano stati delusi per le promesse non mantenute): un cambiamento, che come ha detto lo stesso Bill Gates, chairman e chief software architect di Microsoft, che continuera a ritmi sostenuti, anche se non quelli previsti al tempo della bolla speculativa di Internet. ''Microsoft investira' 6,8 miliardi di dollari in ricerca e sviluppo'' ha spiegato Gates, ''lavorando contemporaneamente sui tre fronti di casa, lavoro e mobilita'''. E cercando in tutti i casi la massima integrazione, convergenza e semplificazione delle tecnologie, come dimostra, fra le altre cose, il nuovo Windows Media Center (gia' in vendita negli States e il cui lancio europeo e' previsto per il 2004).
''Quella che sta cambiando'' gli ha fatto eco Geoff Sutton, general manager di MSN Europe, ''e' l'esperienza del web da parte dei consumatori, che gradualmente vedono trasformarsi in realta' le promesse che gli erano state fatte. A cambiare e' anche e soprattutto il consumo di media, tanto che solo per fare un esempio gli studenti britannici passano gia' oltre 11 ore al mese su MSN Messenger, piu' di quanto tempo dedicano agli altri media''. Anche sul fronte dell'advertising on line, ''79 dei Top 100 brand europei sono giĆ  attivi su internet e presenti pubblicitariamente su MSN'' ha aggiunto Sutton, che ha ricordato come la stima degli investimenti europei on line per il 2003 superi i 775 milioni di euro.
Fra gli altri interventi del convegno, il sociologo Carl Rohde ha evidenziato i punti critici su cui le aziende e le marche che si rivolgono ai target dei ''computer kids'' (8-14enni) e della ''generation search'' (15-26enni) possono fare leva; sia Damian Blackden regional director di McCann Erickson Europe, che John Sanders, ex european sales and marketing director di MG Rover, hanno poi illustrato attraverso dettagliate case history come le sempre maggiori difficolta' riscontrate da aziende e pianificatori nell'identificare, raggiungere, e influenzare i propri consumatori possono trovare una risposta proprio attraverso i media digitali.
MSN Case study

0 Commenti:

Posta un commento

<< Home

Ultime notizie


hai provato la nostra toolbar?

microsoft: tutte le news

cerca anche...