il blog di iteam5.net

25.7.05

Quando il capobranco è un robot

Interagisce , comunica , si muove autonomamente e velocemente proprio come i suoi simili; è il robot blatta creato dai ricercatori del Politecnico di Losanna, un robot che emula alla perfezione il comportamento delle comunissime blatte. Il robot, che si muove tramite dei piccolissimi motori elettrici, è guidato da due microprocessori di 20MHz alimentati con batterie agli ioni di litio. Interagisce col mondo esterno tramite 12 sensori di prossimità ma può essere controllato in remoto tramite microantenne a radiofrequenza ed una minuscola telecamera; dispone di una porta seriale ed è programmabile. Il punto di forza, che rende il robot blatta unico nel suo genere è la sua capacità di secernere feromoni sintetici; questo gli consente di interagire con le altre blatte e di assumere la funzione di leader all’interno del gruppo. I ricercatori sono riusciti fare condurre tutte le blatte del branco in un luogo stabilito, cosa che apre nuovi scenari di applicazione nel campo della disinfestazione. Secondo Gilles Caprari, responsabile del progetto InsBot, "L'obiettivo del progetto è di studiare gli insetti dotati di una certa organizzazione sociale basata sulla collettività, come gli scarafaggi (…) si tratta dell'ultima frontiera nell'interazione tra vita artificiale e biologica.

0 Commenti:

Posta un commento

<< Home

Ultime notizie


hai provato la nostra toolbar?

hardware & scatolette: tutte le news

cerca anche...